Ogni genere di sondaggio

cetto laqualunque

“E’ nato prima l’uomo o la gallina?” Partecipa al sondaggio.

La metafora e la domanda “sembrano” non chiarire il fine ed il sondaggio, ma troverete il legame con lo scandalo assenteismo all’ospedale Loreto Mare: 55 arresti e 94 indagati. Tra gli arrestati medici, infermieri, operatori socio sanitari, tecnici di radiologia e personale amministrativo. Viene da chiedersi siamo disonesti per natura o….

“E’ nato prima l’uomo o la gallina?”  Scandali di questo genere, la cronaca ne ha denunciati a decine, tutti nella pubblica amministrazione. Dopo l’iniziale scandalo mediatico che genera, il ridicolo sdegno che si crea tra i cittadini, che di colpo scoprono l’acqua calda e la pantomima dei politicanti, si gira pagina e si mette tutto in archivio.

Dicevano i latini “Errare humanum est, perseverare autem diabolicum”, lo dicevano  per mettere in risalto l’ipocrisia generalizzata che molto spesso colpisce la politica e la cittadinanza, nel proseguire a fare gli stessi errori senza aver imparato nulla dagli errori fatti.

Credo sia naturale e psicologicamente sano che qualcuno si faccia questa domanda, DI FRONTE AL PERSEVERARE DI FATTI CHE COINVOLGONO PERSONE CHE TRUFFANO LO STATO E RUBANO IL POSTO A PERSONE CHE NON CEL’HANNO.

    •  LA COLPA E’ DEL CITTADINO FURBO E DELINQUENTE?
    •  LA COLPA E’ DELLA POLITICA ASSENTE CHE MOSTRA AI CITTADINI CHE FARE I FURBI E I DELINQUENTI E’ UNA COSA NATURALE? 
    • Ossia: Chi è nato prima, l’uovo (IL CITTADINO) o la gallina (LA POLITICA).?

Ecco la cronaca dei fatti

NAPOLI – Una indagine durata due anni. Ore e ore di filmati e intercettazioni e oltre 500 servizi di osservazione e pedinamento hanno portato all’accertamento di migliaia di episodi di assenteismo perpetrati da 94 dipendenti dell’Ospedale napoletano “Loreto Mare”. I Carabinieri del Gruppo Tutela Salute e del NAS di Napoli hanno piazzato nel nosocomio telecamere che hanno immortalato i comportamenti illeciti da cui sono conseguiti i provvedimenti restrittivi per truffa ai danni di Ente pubblico e falsa attestazione di presenza.

55 persone: un neurologo, un ginecologo, 9 tecnici di radiologia, 18 infermieri professionali, 6 impiegati amministrativi, 9 tecnici manutentori e 11 operatori sociosanitari questa mattina sono stati raggiunti da un’Ordinanza di Custodia Cautelare ai domiciliari emessa dal GIP di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica.Sin dall’inizio dell’indagine è emersa una prassi consolidata consistente nella “strisciatura plurima” dei badge ad otpera di persone che facevano risultare ingresso e presenza nel nosocomio di colleghi assenti e impegnati in faccende private lontane dal posto di lavoro.

I controlli sul posto hanno fatto emergere anche l’assenza di dipendenti dell’Ufficio rilevazioni presenze e assenze, ovvero di coloro che avrebbero dovuto assicurare i controlli per il rispetto delle clausole contrattuali; un dipendente di quell’Ufficio che aveva il compito di controllare i colleghi, in orario di servizio andava a fare lo chef in una struttura alberghiera del nolano. Tra gli indagati che sono stati ripresi reiteratamente dai sistemi video investigativi compaiono 2 operatori socio sanitari che avevano la disponibilità di 20 badge da “strisciare” quotidianamente, a seconda dei turni di servizio dei colleghi da “coprire”, grazie anche a continui contatti telefonici, di regola sms.

Un medico che risultava presente se ne era andato in taxi a giocare a tennis, a sbrigare incombenze di carattere privato oppure a fare compere in gioielleria. Il video che li incastra:

 

RISULTATI Sondaggio: Fico non si sente apprezzato?

RISULTATI Sondaggio: Fico non si sente apprezzato?

Se volete continuare a votare per il vostro preferito. 

SONDAGGIO VACCINI: Vaccinare obbligatoriamente o no i propri figli?

Vaccini, accordo tra Stato e Regioni per renderli obbligatori per accedere a nido e scuola materna.

Una legge che renda obbligatori i vaccini, da approvare “in tempi brevi” è la conclusione di un incontro tra il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e gli assessori regionali e delle Province autonome, per la verifica e l’avvio del Piano nazionale vaccini 2017-19. Ricciardi (Iss. Istituto superiore Sanità): “Accordo storico”. Il Codacons: “Ricorreremo in ogni sede”

E’ scoppiata una vera guerra tra i pro e i contro la vaccinazione obbligatoria. Tra chi porta prove di vaccini che rendono i bambini autistici o contenenti geni cancerogeni. Dall’altra parte l’obbligo del vaccino, pena la cancellazione da asili e nidi d’infanzia.  Tutto ed il contrario di tutto, con lo sfondo di numeri interlocutori, che dicono che per quanto riguarda la meningite gli ammalati del 2015 sono pressochè identici al 2016.

Viene da chiedersi: Cosa è cambiato tra i 2 anni visto, che nel 2015 non si sono creati questi allarmismi o corse al vaccino? Ci stanno dicendo tutta la verità? Ci hanno dato la giusta
informazione? 

PRIMA DI FARE IL SONDAGGIO (in fondo alla pagina)PER GIUSTA INFORMAZIONE RIPORTIAMO LE POSIZIONI DELLE PARTI IN CAUSA PER AIUTARE LA GENTE A CAPIRE LA SITUAZIONE.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

SONDAGGIO VACCINI Una legge che renda obbligatori i vaccini, da approvare “in tempi brevi”, per l’accesso a nidi e scuole materne. È la conclusione di un incontro tra il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e gli assessori delle Regioni e delle Province autonome, per la verifica e l’avvio del Piano nazionale vaccini 2017-19 dopo l’ok che era arrivato dalla conferenza delle Regioni la scorsa settimana. Una notizia che arriva nel giorno in cui il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, bolla come discriminatoria la decisione di rendere obbligatoria le vaccinazioni. Per Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto superiore di sanità, si tratta di “un accordo storico tra lo Stato e le Regioni per una nuova legge nazionale che renda obbligatorie tutte le vaccinazioni previste nel Piano di prevenzione vaccinale 2017-19 su tutto il territorio nazionale.  In questo modo, sottolinea Ricciardi con l’Ansa, “si supera finalmente la confusione che ancora esiste tra la gente tra vaccinazioni obbligatorie e consigliate: va infatti chiarito in modo definitivo che tutte le vaccinazioni, dal momento che salvano vite umane, sono obbligatorie, sia da un punto di vista etico che scientifico”.

 Obbligo decadde nel 1999

L’obbligo di vaccinarsi per poter essere iscritto a scuola decadde nel 1999, dopo che per oltre trent’anni, e cioè dal 1967, era stato invece indispensabile per l’iscrizione. Di conseguenza oggi è possibile frequentare la scuola anche senza essere vaccinati. L’Emilia-Romagna è stata la prima Regione ad aver varato una legge sull’obbligatorietà delle vaccinazioni per poter frequentare gli asili nido. Successivamente, anche il comune di Trieste, la Regione Friuli Venezia Giulia e la Toscana hanno varato un provvedimento che rende obbligatoria la vaccinazione dei bambini per l’iscrizione agli asili comunali e convenzionati.

Decisione presa dopo calo delle vaccinazioni
La norma attuale prevede che se il certificato di vaccinazione non viene presentato, i bambini sono comunque ammessi alla scuola dell’obbligo e agli esami. La decisione di tornare ora all’obbligatorietà a livello nazionale si basa anche sul dato relativo al calo delle vaccinazioni, sotto la soglia minima raccomandata dall’Organizzazione mondiale della sanità pari al 95% della popolazione. In Italia le vaccinazioni attualmente obbligatorie sono quelle antidifterica, antitetanica, antipoliomelitica e antiepatite virale B. Tutte le altre sono volontarie, anche se il Sistema sanitario nazionale ne incentiva l’uso e la gratuità. Con l’accordo raggiunto, l’obiettivo è invece quello di rendere obbligatorie su tutto il territorio tutte le vaccinazione previste nel nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-19. Anti Pneumococco e Zoster per gli anziani, anti Meningococco b, Rotavirus e Varicella per i più piccoli, anti Papillomavirus anche agli adolescenti maschi sono alcuni dei nuovi vaccini che saranno offerti a breve gratuitamente dal Sistema Sanitario Nazionale. 

Vaccini, per bambini, adolescenti e anziani
Nel primo anno di vita saranno introdotti i vaccini gratuiti contro il Meningococco b, batterio pericoloso che può provocare casi letali di meningite, e il rotavirus, che è causa di gastroenteriti molto forti che possono avere conseguenze gravi nei più piccoli. Per l’antimeningococco b (attualmente a pagamento in quasi tutte le regioni) la prima dose si effettua a partire dai tre mesi di vita, con richiami a seguire. Per il rotavirus, a partire dalla sesta settimana di vita, insieme con tutti gli altri vaccini previsti per i primi mesi di vita. Nel secondo anno di vita invece si potrà fare quello contro la Varicella (oggi gratuito solo in 8 regioni), malattia che in rari casi può provocare complicanze e richiedere ricovero ospedaliero. Il vaccino si effettua dai 13-15 mesi di vita, anche insieme a quello per morbillo, rosolia e parotite, con richiami a seguire. Il vaccino contro il Papillomavirus (Hpv), oggi gratuito per le ragazze, sarà esteso anche ai ragazzi maschi, per riuscire a debellare la diffusione del virus che è la più frequente causa di tumore alla cervice dell’utero e alla bocca. Agli adolescenti verrà poi offerto il meningo tetravalente, ovvero che protegge contro il meningococco dei ceppi A, C, W, Y, alcuni dei quali diffusi soprattutto in continenti extraeuropei. Per gli anziani viene introdotto gratuitamente il vaccino contro l’Herpes Zoster, causa del più noto Fuoco di sant’Antonio, in grado di ridurre del 65% i casi di nevralgia, una delle complicanze più frequenti e debilitanti della malattia. Sarà poi offerto, in tutte le regioni (superando la frammentazione territoriale oggi registrata) il vaccino contro lo pneumococco, che protegge sia contro la polmonite che contro la meningite, una complicanza in alcuni casi associata. Inoltre il Piano sottolinea un “rinnovato impegno” nel promuovere la vaccinazione antinfluenzale per persone con 65 anni o più.  Novità che ovviamente si aggiungono all’offerta vaccinale già disponibile, per la quale il nuovo piano innalza gli obiettivi di copertura: ovvero l’esavalente (anti difterite, tetano, pertosse, polio, epatite b ed haemophilus influenzae) e il trivalente (Morbillo, Parotite e Rosolia) e il Meningococco c. Tra gli obiettivi del documento, inoltre, mantenere lo stato polio-free, raggiungere lo stato morbillo-free e rosolia-free, aumentare l’adesione consapevole, contrastare le disuguaglianze, promuovere una cultura delle vaccinazioni.

Il Codacons: “Ricorreremo in ogni sede”
Il Codacons si dice pronto alla guerra legale: “Ricorreremo in ogni sede contro una legge nazionale in tal senso, e ci rivolgeremo alla Corte europea dei diritti dell’uomo per bloccare una iniziativa che è una violenza nei confronti delle famiglie – spiega il presidente Codacons Carlo Rienzi – fino a che il Ministero della Salute e l’Aifa non rinunceranno all’esavalente (somministrato in Italia ai bambini senza alcuna possibilità di scelta per i genitori) in favore di vaccini singoli che consentano da un lato di rispettare le norme in vigore che individuano come obbligatori solo 4 vaccinazioni e non 6, dall’altro di far risparmiare il SSN, che eviterebbe così uno spreco di 114 milioni di euro l’anno. Imporre con legge nazionale la vaccinazione obbligatoria per accedere ad asili e scuole senza mettere a disposizione dei cittadini i 4 vaccini riconosciuti come obbligatori, rappresenta un illecito che – conclude Rienzi – potrebbe essere sanzionato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo“.

Sondaggio sul Testamento Biologico: sei d’accordo o contrario?

TESTAMENTO BIOLOGICO.

Una dichiarazione anticipata di trattamento (detta anche testamento biologico, o più variamente testamento di vita, direttive anticipate, volontà previe di trattamento) è l’espressione della volontà da parte di una persona (testatore), fornita in condizioni di lucidità mentale, in merito alle terapie che intende o non intende accettare nell’eventualità in cui dovesse trovarsi nella condizione di incapacità di esprimere il proprio diritto di acconsentire o non acconsentire alle cure proposte (consenso informato) per malattie o lesioni traumatiche cerebrali irreversibili o invalidanti, malattie che costringano a trattamenti permanenti con macchine o sistemi artificiali che impediscano una sia pur minima vita di relazione.

Sondaggio: Fico non si sente apprezzato? Vota il tuo preferito

Sondaggio: Fico non si sente apprezzato ed entra in polemica con grillo? Rispondi al sondaggio

Magari ha ragione, voi cosa ne pensate.

Vota per il tuo preferito. 

Partecipa al sondaggio, cosa ne pensi?

Partecipa al sondaggio, cosa ne pensi?   Gli 8 uomini più ricchi del mondo.

 

Sondaggio sulla Boldrini

Boldrini, sondaggio del giorno: Ipotesi reale?

Boldrini, sondaggio del giorno: Ipotesi reale?

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Work in progress

In Costruzione