Benvenuti nel Blog Attivistam5s.com

Quante volte avete visto un post su facebook e rimanete con la sensazione che avreste voluto capire, spiegare il vostro pensiero ed invece siete trascinati dalla superficialità con cui Facebook o twitter con un semplice ed asettico “Mi Piace”, non spiega nulla. Ecco il motivo per fare e frequentare un blog.

Questo blog nasce con l’idea di accogliere attivisti, simpatizzanti e persone in genere, che pensano si possano trattare argomenti in modo diverso dal “tocca e fuggi” tipico di Facebook. Un punto d’incontro dove ci si possa confrontare e analizzare in modo anche più approfondito un argomento e interfacciarsi con tante persone, che pensano che non tutto è gestibile superficialmente.

Chiaramente non si è “assolutamente” obbligati a dover commentare ogni articolo, ma diventa interessante leggere anche i commenti degli altri e le loro tesi e discussioni. Tutto in un ambiente (tipico dei blog) dove i commenti contenenti litigi, parolacce e offese, sono assolutamente banditi e tagliati.

Ultimo motivo ma non ultimo in ordine d’importanza, è lo scopo che ha spinto un piccolo gruppo di attivisti (quali siamo), ad impegnarsi per centinaia di ore e abbastanza soldi. Lo scopo di richiamare un numero di attivisti, simpatizzanti e frequentatori assidui, tale da poter mettere inserzioni pubblicitarie con cui ricavare fondi da donare al Movimento 5 Stelle. (TUTTO IN MODO ESTREMAMENTE TRASPARENTE con contratti e ricavi postati nel blog stesso.)

Quante volte avete visto e sentito i nostri grandi portavoce, Di Maio, Di Battista, Beppe, Taverna, ecc.ecc. ricordarci che il M5S vive di donazioni e più diventiamo grandi, più soldi servono per organizzare qualsiasi iniziativa e manifestazione. IL NOSTRO BLOG NON CHIEDE SOLDI, CHIEDE PARTECIPAZIONE, un pò del tempo che passate su facebook e che arricchisce una delle 8 PERSONE PIU’ RICCHE DEL MONDO. Qualche click che generi aiuto per il nostro grande sogno, UN GOVERNO A 5 STELLE. Grazie e sono sicuro che saremo in tanti.    PER ISCRIVERSI BASTA CLICCARE QUI ED ENTRARE CON IL VOSTRO ACCOUNT DI FACEBOOK, TWITTER E G+

 

Il mio tesoro Whisky

Assistenza sanitaria nazionale per cani e gatti

SONO MOLTO CONTENTO, è stata accettata dal direttivo del Movimento 5 Stelle, la mia proposta di legge per la creazione di : 

Una assistenza sanitaria nazionale per cani e gatti di proprietà documentata.

OBIETTIVO:  Aiutare i padroni di cani e gatti, che NON HANNO UN REDDITO SUFFICIENTE a preservare la salute dei nostri amici a 4 zampe, soprattutto quelli di proprietà dichiarata, la medicina veterinaria è molto costosa (a volte supera quella dell’uomo) a causa della totale attività privata degli studi veterinari. 

Il mio tesoro Whisky

Il mio tesoro, Whisky

Giuseppe Pompili

La mia proposta di legge nella forma iniziale

DESCRIZIONE: E’ ormai solare l’esigenza di sostenere senza remore e senza indugi la salute dei nostri amici a quattro zampe, QUESTI ANIMALI FANNO PARTE A TUTTI GLI EFFETTI DEL NUCLEO FAMILIARE, e ricoprono una parte importantissima nel migliorare lo stato psichico e fisico degli altri componenti umani del nucleo familiare, la medicina veterinaria è molto costosa (a volte le spese superano quelle dell’uomo) causa la totale attività privata di questi studi. Molti proprietari di cani e gatti non POSSONO SOPPORTARE le spese di un intervento medico veterinario. L’unica soluzione? LA SOPPRESSIONE DELL’ANIMALE. Ecco perché urge una soluzione nazionale a livello statale per ridurre con un ticket queste spese di qualsiasi intervento riconoscendo solo cani e gatti con microchip. Chiediamo al governo a voce alta anzi altissima una VERA MUTUA PER LORO. N.B. IN ITALIA CI SONO 60 MILIONI DI ANIMALI DOMESTICI RICONOSCIUTI, IMMAGINATEVI L’IMPATTO UMANO E POLITICO DI UNA INIZIATIVA SIMILE. Esempio: Il padrone di un cane anche se non beneficerà del ticket, sarà sicuramente ben disposto in merito ad una proposta simile.

ESPERIENZA:  Ogni proprietario di un cane o di un gatto ha già scelto di rinunciare a qualcosa per sé per poter affrontare spese veterinarie in favore del proprio animale. Questo non è sintomo di ricchezza ma semmai di spirito di sacrificio a beneficio di chi, solo con la sua presenza fa compagnia ad un anziano o ad un bambino o semplicemente ci accompagna nella fatica di un vivere sempre più complicato. Io posseggo un cane, per me un tesoro, che non vedo l’ora che mi corra incontro per rallegrarmi e allentare la presa dei problemi che affliggono me e la mia famiglia. Per assurdo, ma non tanto, è la mia medicina contro la depressione e questo lavoro il mio cane lo fa gratis e fa risparmiare soldi alla collettività. NON PENSO DI ESSERE L’UNICO. Spero che qualcuno prenda in considerazione questa mia proposta. Giuseppe Pompili – Attivista Certificato M5S. https://rousseau.movimento5stelle.it/lex/assistenza_sanitaria_nazionale_per_cani_e_gatti.html Buon lavoro a tutti.

N.B.:  Immaginatevi quanti pensionati o persone SOLE che versano in condizioni economiche difficoltose e hanno come unica compagnia questi animali che li aiutano psichicamente a livello di sopportazione dei problemi di salute e di solitudine. UNA QUESTIONE DI CIVILTA’ INELUTTABILE.

https://rousseau.movimento5stelle.it/lex/assistenza_sanitaria_nazionale_per_cani_e_gatti.html

Oggi 18-01 nuova votazione on line su Rousseau per il programma di governo.

Oggi 18-01 nuova votazione on line su Rousseau per il programma di governo. Oggi dalle ore 10.00  alle 19.00 Tema: il PROGRAMMA ENERGETICO

Il programma energetico del Movimento 5 Stelle prevede il passaggio totale dalle fonti fossili alle energie rinnovabili entro il 2050. Il quesito che viene proposto oggi riguarda l’utilizzo dei terreni marginali: “Sei d’accorco con l’uitilizzo dei terreni di uso marginale per impianti destinati alla produzione di energia rinnovabile?”. Ce ne parla Ugo Bardi, docente universitario, divulgatore e ricercatore scientifico.

di Ugo Bardi

Parliamo dello sfruttamento dell’energia rinnovabile per il nostro Paese. Cosa vuol dire? In epoche remote avevamo risorse minerali, ma si parla del tempo dei romani e degli etruschi. Nel corso dei decenni sono state sfruttate ed esaurite. Cosa ci rimane oggi per valorizzare il nostro territorio? L’energia solare, l’Italia viene detta il Paese del sole, siamo un territorio industrializzato che ha un’irradiazione solare molto ampia. Ci sono pochi Stati che hanno questo vantaggio, un valore che noi sfruttiamo poco. La domanda che ci stiamo ponendo è sull’utilizzo, o meno, dei territori marginali per sfruttare il sole.

L’UTILIZZO DEI TERRITORI MARGINALI
Quello marginale è un territorio non cementificio che non è adatto all’agricoltura, perché è stato “sovrasfruttato” dal punto di vista agricolo e che adesso può essere utilizzato ad esempio soltanto per il pascolo occasionale. Questi territori sono particolarmente adatti all’energia rinnovabile nella forma degli impianti fotovoltaici, che hanno un’impronta sul suolo quasi zero. Sono impianti completamente reversibili. Se hai un terreno che non produce perché rovinato da un’agricoltura poco adatta, oppure è in una posizione che non si presta ad un uso agricolo, a quel punto è sensato fare su questo territorio un impianto di energia rinnovabile reversibile, che resta 20 anni. Questo impianto si può poi smantellare e – qualora ce ne fosse bisogno – restituire il terreno (che probabilmente ha guadagnato nello stare 20 anni a riposo) all’agricoltura. Il bello di questi impianti è che sono reversibili, il fotovoltaico non ha un impatto devastante; è semplicemente appoggiato. Questo è un grosso vantaggio rispetto alla cementificazione e anche rispetto all’energia eolica. A mio avviso non dovremmo farci un eccessivo scrupolo nell’utilizzare queste risorse; in questo modo evitiamo di utilizzare quantità equivalenti in termini di energia prodotta di petrolio, gas e carbone che invece fanno dei danni notevoli, evidenti e noti.

LO SFRUTTAMENTO INTELLIGENTE DEL TERRITORIO
Cosa vuol dire sfruttare l’energia solare in Italia? Vuol dire arrivare a qualche compromesso nella pratica, perché dobbiamo utilizzare una certa frazione di territorio per raccogliere l’energia solare che ci arriva gratis e che possiamo sfruttare per nostro beneficio. Quanto si parla di sfruttamento del territorio ci si trova spesso davanti a un piccolo tabù che è tipico di certe frazioni del movimento ambientalista: non si può, secondo alcuni, mettere impianti solari sul territorio agricolo. C’è qualche resistenza corretta perché bisogna stare attenti a quello che facciamo, visto che il territorio italiano è limitato e la popolazione invece è numerosa. Quindi dobbiamo fare il possibile per gestire questi territori marginali al meglio. Quando si parla di consumo di territorio si parla però di consumo per edifici e cementificazione in generale. Abbiamo cementificato molto, siamo sull’ordine del 7-8% del territorio italiano. Questo sfruttamento è quasi irreversibile, almeno sul breve periodo e a un certo costo. In pianura padana siamo oltre il 10% che ancora non è moltissimo rispetto ad alcuni Paesi del Nord Europa dove si tocca il 15%.

GLI INVESTIMENTI SUL FOTOVOLTAICO E L’INDIPENDENZA ENERGETICA
Per passare all’energia rinnovabile – e soddisfare il 100% del nostro fabbisogno – si parla di una richiesta di territorio nell’ordine dell’1%. Che è perfettamente possibile, nell’ambito di strutture già cementificate e comunque anche se utilizziamo terreni agricoli marginali che non producono più molto. I terreni agricoli italiani sono soggetti a ben peggiori oltraggi rispetto al fotovoltaico, come quelli di tipo idrogeologico, l’erosione e altro: ce ne accorgiamo quando piove più del solito e il terreno cede. Il danno di un impianto fotovoltaico su un terreno marginale è ridotto, anzi quasi trascurabile. Anche perché il processo di cementificazione del territorio sta continuando, si parla a livello legislativo di fermarlo con dei provvedimenti che si stanno rivelando inefficaci, perché gli interessi economici sono più forti.
A mio avviso dovremmo fare tutto il possibile per renderci indipendenti dalle importazioni di combustibili fossili dall’estero, che sono un peso notevole per la nostra bilancia dei pagamenti. Questo lo possiamo fare muovendoci alla velocità massima possibile verso l’energia rinnovabile, che vuol dire sviluppare energia principalmente fotovoltaica, in parte anche eolica, idroelettrica. Ma l’Italia si presta più al fotovoltaico perché ben soleggiata. Quindi dobbiamo lavorarci senza atteggiamenti assolutistici, se mi permettete, visto la situazione di emergenza.

ROUSSEAU, il futuro della politica, OGGI.

Sistema Operativo Rousseau

Pagina del sistema Rousseau dove possiamo fare molteplici cose.

ROUSSEAU, il futuro della politica, OGGI.

Rousseau è il sistema operativo del MoVimento 5 Stelle. Una Rivoluzione unica al mondo. Il cittadino al centro delle decisioni.

I suoi obiettivi sono la gestione del M5S nelle sue varie componenti elettive (Parlamenti italiano e europeo, consigli regionali e comunali) e la partecipazione degli iscritti alla vita del M5S attraverso, ad esempio, la scrittura di leggi e il voto per la scelta delle liste elettorali o per dirimere posizioni all’interno del M5S.

Solo gli iscritti al M5S possono accedere a Rousseau. (Iscrivetevi, non dovete rinunciare a questa incredibile opportunità). Le funzioni sono disponibili solo dopo l’identificazione che, oltre all’identità, prevede anche il profilo, ad esempio se eletto o meno, e città di residenza .

Funzioni disponibili sono ad oggi:

Lex nazionale, partecipazione alla scrittura delle leggi nazionali proposte dai parlamentari
Lex regionale, partecipazione alla scrittura delle leggi regionali proposte dai consiglieri regionali
Lex Europa, partecipazione alla scrittura delle leggi europee proposte dagli europarlamentari
Vota , voto per le liste elettorali o per pronunciarsi su un tema specifico
Fund Raising, raccolta fondi per elezioni o eventi del M5S
Scudo della Rete, raccolta fondi a tutela legale del M5S o di suoi iscritti ed eletti
Lex iscritti, proposte di legge formulate dagli iscritti che in seguito vanno presentate dagli eletti nelle diverse sedi
E-learning lezioni sulle strutture in cui sono inseriti gli eletti e sul loro funzionamento

In futuro saranno attivate:

Activism, (materiali di supporto alle iniziative del M5S, sia digitali (es. la marcia virtuale o Attivista a 5 Stelle), sia volantini esplicativi ( es. per il Reddito di Cittadinanza e per l’Euro), sia video e/o foto
Sharing, archivio con le diverse proposte (interrogazioni, delibere, leggi, ecc. a livello comunale e regionale con una tassonomia comune
Gruppi sul territorio (i.e. meetup), informazioni sui e dai gruppi sul territorio su iniziative in corso

Descrizioni più complete sulle singole funzioni sono presenti all’interno di Rousseau cliccando la stella interessata.

Stelle accese e email di alert

All’ingresso in Rousseau le stelle che si vedranno “accese” saranno in funzione della propria identità/profilo. Ad esempio se ci sono votazioni per le liste elettorali per la Regione Lombardia potrà votare solo chi è iscritto al M5S e risiede in Lombardia e, in quel caso la stella “Vota” sarà accesa, lo stesso profilo potrà accedere alla scrittura delle leggi regionali lombarde e in questo caso sarà accesa la stella ‘Lex regionale’. Ad ogni iscritto sarà inviata una mail se una funzione a cui può partecipare è stata attivata,

Inviate una mail

Per ogni funzione si potrà utilizzare una mail specifica presente nella pagina di spiegazioni per dubbi, segnalazioni di errori e miglioramenti richiesti, ecc.