La strage di Aleppo bombardata

Saviano: il ritratto di un anno in 16 foto

Saviano: il ritratto di un anno in 16 foto 

Saviano: il ritratto di un anno in 16 foto. L’odissea dei profughi e le speranze di Cuba, la corsa alla Casa Bianca e le proteste degli afroamericani, il terremoto e gli attentati dell’Isis, la Brexit e la repressione di Erdogan: l’autore di Gomorra ha scelto e commentato sedici immagini simbolo che raccontano la storia del 2016

Turchia sud orientale

19 gennaio 2016. AFP PHOTO / ILYAS AKENGIN                                                                                 Siamo nella Turchia sudorientale, ai confini con l’Iraq

Gennaio – Siamo nella Turchia sudorientale, ai confini con l’Iraq: il 2016 si apre con l’offensiva dell’esercito di Erdogan contro il Pkk e le enclave curde del Paese. È il distretto di Silopi, uno dei piccoli centri colpiti dall’artiglieria e poi costretti al coprifuoco.

La famiglia Clinton lontani dalla delusione che verrà

8 febbraio, 2016.  REUTERS/Brian Snyder                                                                                                       La famiglia Clinton, lontani dalla delusione che verrà

Febbraio – Mancano ancora molti mesi al voto che stravolgerà l’America e il mondo: Trump non è ancora diventato il candidato alla Casa Bianca e Hillary sta ancora lottando con Sanders nelle primarie democratiche. Nulla lascia prevedere il terremoto che sta per arrivare. Saviano: il ritratto di un anno in 16 foto

Grecia confine macedone, un esodo biblico

14 marzo 2016. AFP PHOTO / DANIEL MIHAILESCU                                                                                                      Grecia confine macedone, un esodo biblico

Marzo – Vengono dal villaggio di Idomeni, in Grecia, cercano di attraversare il confine macedone, per raggiungere l’Europa centrale. Sono in gran parte siriani. Una donna ha gli occhi sbarrati, un’altra è in lacrime. Non hanno nulla, tranne i loro vestiti. È un’immagine biblica: quel piccolo fiume gonfio di fango è come il Mar Rosso.

Air Force One atterra a Cuba

20 Marzo 2016.   REUTERS/Alberto Reyes                                                                                                                                                  Air Force One atterra a Cuba

Marzo – L’Air Force One con a bordo Barack Obama sorvola i sobborghi de L’Avana prima di atterrare a Cuba. Il modernissimo e potente aereo presidenziale sembra sfiorare le macchine novecentesche che ancora, miracolosamente, i cubani riescono a far funzionare: due mondi distanti, e finora separati, finalmente si intercettano e stanno per incontrarsi.

Prince ci lascia, un'altra "stella" nel cielo

21 aprile 2016.  REUTERS/Lucy Nicholson                                                                                                       Prince e D. Bowie ci lasciano, altre 2 “stelle” nel cielo

Aprile – Prince appare come un Cristo del Mantegna, quasi fosse un’icona sacra, nell’immagine che questa ragazza dolente porta con sè alla veglia per celebrarlo a Los Angeles. La riproduzione ha una piccola corda: probabilmente la ragazza teneva la figura del suo idolo appesa in camera, o nel luogo di lavoro.

"Le lacrime non bastano a fermarti"

4 maggio 2016.  REUTERS/Aly Song                                                                                                                                                   “Le lacrime non bastano a fermarti”

Maggio – “Le lacrime non basteranno a fermarti, devi continuare il tuo esercizio”: è quello che sembra dire la mano dell’invisibile coach a questa bambina di Shanghai. Il gesto dell’allenatore non è una carezza, né una consolazione. La mano è tesa e rigida, leva via le lacrime dal volto della bimba come se esprimesse un ordine, un imperativo morale. Saviano: il ritratto di un anno in 16 foto

Pistorius al processo senza protesi

15 giugno 2016. REUTERS/Siphiwe Sibeko                                                                                                                                          Pistorius al processo senza protesi

Giugno – Pistorius si toglie le protesi nell’aula del tribunale di Pretoria che lo sta processando per la morte della fidanzata: è un gesto estremo, deciso d’accordo con il suo collegio di difesa. Gli avvocati sostengono che l’hanno fatto per ricostruire cosa accadde la notte dell’omicidio: il campione paralimpico era in casa senza le protesi.

Uccisa Jo Cox, contraria alla Brexit

16 giugno 2016. REUTERS/Phil Noble                                                                                                                                                   Uccisa Jo Cox, contraria alla Brexit

Giugno – Una scarpa elegante, nera, con il tacco: un agente della polizia scientifica la prende nel luogo dove Jo Cox è stata appena assassinata da un fanatico neonazista.
La parlamentare laburista inglese stava facendo campagna elettorale contro la Brexit.

la ragazza di Baton Rouge

9 luglio 2016.  REUTERS/Jonathan Bachman                                                                                                                                                       la ragazza di Baton Rouge

Luglio – C’è un intero mondo che parla in questa foto: da una parte una ragazza afroamericana, elegante, con le ballerine ai piedi e i capelli lisci, che esprime una serietà serena e forte di fronte alla polizia. Dall’altra gli agenti che sembrano indietreggiare, come se fossero spaventati da tanta calma impassibile, la calma che esprime solo chi sa di aver ragione. Ragione contro forza: è il motivo per cui la ragazza di Baton Rouge è diventata una delle immagini simbolo delle proteste Usa per le violenze della polizia contro gli afro-americani.

Nizza,  È il giorno dopo, sulla Promenade des Anglais

15 luglio 2016. REUTERS/Eric Gaillard                                                                                                             Nizza, È il giorno dopo, sulla Promenade des Anglais

Luglio – C’è un tricolore, c’è una bottiglia di champagne, c’è il mare, una città di vacanza che ha attraversato la tragedia: questa immagine sintetizza la Francia, e l’orrore che ha vissuto in una notte che doveva essere di festa. È il giorno dopo, sulla Promenade des Anglais un uomo è uscito in bicicletta, ma non può andare avanti, non ce la fa. Si ferma su una panchina, probabilmente piange, sopraffatto dal dolore. Non trova ragione — non può trovarla — per quello che è successo. Saviano: il ritratto di un anno in 16 foto

I golpisti turchi presi a calci

16 luglio 2016. Stringer/Getty Images                                                                                                                                                                   I golpisti turchi presi a calci

Luglio – È un’immagine impressionante, che ribalta tutte le foto sui militari finora viste. Di solito i golpisti sono militari violenti che picchiano e massacrano i civili: qui accade il contrario. Guardate gli uomini sul fondo che armati di cinghie colpiscono i poveri soldatini in divisa che non provano neanche a reagire. Sono giovanissimi, inermi, impauriti.

L'emblema del terremoto in Italia

24 agosto 2016.  ANSA/ MASSIMO PERCOSSI                                                                                                                                   L’emblema del terremoto in Italia

Agosto – Questo scatto ha fatto il giro del mondo, per i media stranieri è stato il simbolo del terremoto che ha devastato il nostro Paese. L’hanno pubblicato tutti e a più riprese. Perché è Italia: una suora, giovane, ferita,con un cellulare di vecchia generazione in mano, con semplici sandali ai piedi.

La strage di Aleppo bombardata

11 settembre 2016. AFP PHOTO / AMEER ALHALBI                                                                                                                             La strage di Aleppo bombardata

Settembre – Senza perdere la tenerezza: nella tragedia della guerra, nel dolore di Aleppo devastata dai bombardamenti, due uomini portano in salvo alcuni bambini appena nati. Sembrano padri, e forse lo sono: certo ricordano i papà che, per la prima volta, prendono in braccio al nido i figli neonati. Lo fanno con cura, delicatezza, quasi con la paura di far loro del male. Saviano: il ritratto di un anno in 16 foto

Come le Pantere Nere del '68

2 ottobre 2016. AP Photo/Marcio Jose Sanchez                                                                                                                                       Come le Pantere Nere del ’68

Ottobre – Il giocatore di football americano Colin Kaepernick, si inginocchia mentre viene suonato l’inno nazionale americano, nella stadio di Santa Clara, in California. Lo affiancano i compagni di squadra Eli Harold (a sinistra) e Eric Reid (a destra). È la protesta contro le violenze della polizia sulla popolazione afroamericana, che evoca i pugni chiusi di Tommie Smith e John Carlos alle Olimpiadi del ’68 in Messico in nome del Black Power.

Obama e Trump: Il giorno che non ti aspetti.

10 novembre 2016. AP Photo/Pablo Martinez Monsivais                                                                                          Obama e Trump: Il giorno che non ti aspetti.

Novembre – Donald Trump nonostante tutto e tutti ha conquistato la Casa Bianca e Obama lo deve accogliere e riconoscerne, simbolicamente, la vittoria. Questa foto rappresenta il trionfo della democrazia perché due grandi rivali — anzi nemici — politici devono stringersi la mano. Ma il senso profondo di questa immagine è tutta racchiusa nel volto del presidente Usa: che esprime una distanza siderale dall’uomo che gli siede di fronte. Esprime sconcerto, sconforto, una sorta di disgusto: questa smorfia resterà il giudizio più forte, più di qualsiasi discorso, sulle elezioni americane.

"Noi moriamo ad Aleppo, tu muori qui"

19 dicembre 2016. AP Photo/Burhan Ozbilici                                                                                                                      “Noi moriamo ad Aleppo, tu muori qui”

Dicembre – Sembra una scena ripresa da un film di Tarantino, un attore preso di peso dal set delle Iene. È il primo terrorista islamico in giacca e cravatta. In realtà Mevlut Mert Altintas, il ventiduenne che ha ucciso l’ambasciatore russo in Turchia, aveva scelto con cura il suo abbigliamento: è un abito-divisa. Era un poliziotto che lavorava nelle scorte: sapeva benissimo che indossare un abito nero, una cravatta scura e la camicia bianca, lo avrebbe reso quasi invisibile. Con la sua tremenda frase: “Noi moriamo ad Aleppo, tu muori qui”